Filtri industriali: la soluzione per evitare l’ostruzione dei componenti

Le applicazioni dei filtri industriali sono diverse e su misura per le differenti esigenze di ogni settore di produzione. I professionisti di ogni attività sono esigenti in questo campo e sono ben consapevoli che poter contare su materiali efficaci e qualità in termini di pulizia e depurazione è la chiave per aumentare la produttività ed evitare spese supplementari relative ostruzioni o danni.

Il perfezionamento a cui siamo arrivati nella fabbricazione di questo tipo di filtri adattati ai vari tipi di industria è sorprendente. Oggi quasi ogni settore industriale ha a sua disposizione pezzi su misura per il proprio tipo di lavoro, progettate per rimuovere le impurità e per prolungare la vita della macchina o per garantire la sicurezza e la qualità nei processi produttivi.
Settori come mobilifici, l’industria olearia, calzaturifici, industria energetica o della plastica sono buoni esempi del contributo di questi filtri. A tal fine è necessario focalizzarci sulle principali applicazioni di questi filtri industriali per vedere come funzionano e quali risultati possono portare ai diversi tipi di attività.

Come funzionano i filtri industriali e come possono contribuire?

In linea di massima, è importante conoscere alcune informazioni di base sul funzionamento di questi filtri. La loro missione principale è quella di eliminare la presenza di elementi solidi in sospensione nei liquidi che sono presenti nei processi industriali.
Nel caso dei filtri industriali Euspray è importante notare che sono realizzati in acciaio inox AISI 304 con vari gradi di filtrazione. Caratteristiche che li rendono in grado di raggiungere da 50 a 5.000 micron, adattandosi alle particolarità di ogni azienda per raggiungere una maggiore personalizzazione del prodotto .

Grandi alleati per l’industria del mobile e quella olearia.

Un settore tradizionale come il legno ha trovato un buon alleato nei filtri autopulenti progettati per eliminare le particelle associate a prodotti come la colla. L’azione dei filtri blocca le impurità contribuendo al raggiungimento di risultati finali di qualità e allunga la vita delle macchine responsabili della produzione di mobili.
Grazie alla sua versatilità, i filtri autopulenti hanno trovato il loro posto nei processi produttivi industriali come l’elaborazione e raffinazione dell’olio. Il filtraggio è estremamente importante, soprattutto quando si parla di un prodotto destinato al consumatore. Pertanto l’azione di questi pezzi chiave nella rimozione di particelle e impurità ha un alta responsabilità dovendo estrarre quelle componenti inutili e raffinare accuratamente un liquido sempre più richiesto nelle sue diverse versioni, come ad esempio l’olio di soia.

Sfruttare di più l’acqua nell’industria delle materie plastiche

I filtri autopulenti aggiungono valore alle fabbriche e impianti industriali garantendo il risparmio idrico. In questi casi, l’acqua passa attraverso una cartuccia filtrante in cui si depositano le sospensioni solide sulla superficie interna e il liquido esce di nuovo, secondo il grado di filtrazione prescelto .

 

filtri autopulenti

 

Al di là della parte tecnica questo è un modo per riutilizzare l’acqua dopo l’uso industriale, senza la necessità di aumentare la spesa con le ricariche dei depositi.
Allo stesso modo, l’industria nelle sue varie attività genera una grande quantità di rifiuti destinati a morire in acqua che grazie alle prestazioni di questi filtri si depura rendendo più veloce ed efficace classificare particelle o componenti che devono essere trattati in modo speciale.